mercoledì 1 febbraio 2012

Crostata croccante con pinoli, uvetta e Fiordifrutta alle Prugne Rigoni


Questa ricetta è nata per caso, pensando ai vari abbinamenti che si possono fare con determinati ingredienti e, dato che nel negozio dove faccio sempre la spesa ho trovato il gusto Prugna dei Fiordifrutta Rigoni, ho pensato che potesse star bene con uvetta e pinoli.......
Così ho preparato questa crostata:
*Per la frolla salata:
120 gr di farina
1 cucchiaino raso di sale
1 tuorlo
60 gr di burro a fiocchetti
2 cucchiai d'acqua

*Per il ripieno:
200 gr di tacchino
30 gr di uvetta
20 gr di pinoli
1/2 bicchiere di vino bianco con l'aggiunta di un goccio di vino liquoroso (tipo vinsanto)
8 fette di pancetta stesa
3 cucchiai di Marmellata alla Prugna FiordiFrutta Rigoni
Farina, olio, sale e spezie qb

Per preparare la frolla, ho messo la farina in una ciotola, aggiunto il sale, il tuorlo, l'acqua e il burro a fiocchetti, ho iniziato ad impastare il tutto con la forchetta fino ad avere un composto con briciole più o meno grosse. A questo punto ho messo il tutto sulla spianatoia e mi sono limitata ad ammassarlo, lavorandolo pochissimo e nel giro di pochi minuti ho ottenuto una palla morbida e liscia; ho steso questo impasto con le mani, in una tortiera dai bordi bassi del diametro di 24 cm., coperto con pellicola e messo a riposare in frigo per almeno una mezz'ora.
Nel frattempo ho preparato il ripieno: ho tagliato a julienne il tacchino, l'ho infarinato e messo a cuocere in una padella antiaderente con un po' di olio e uno spicchio d'aglio, l'ho fatto rosolare leggermente, aggiunto l'uvetta precedentemente ammollata e i pinoli, insaporito il tutto con l'insaporitore per carni (dove ci sono salvia, rosmarino, aglio, sale, pepe etc, il tutto tritato) e sfumato con il vino, lasciato evaprare e spento il fuoco. Solo a questo punto ho aggiunto un cucchiaio di marmellata alla Prugna Rigoni.
Ho ripreso l'impasto steso nella teglia, l'ho bucherellato e cosparso con un paio di cucchiai di marmellata Rigoni, sistemato sopra la carne e completato il tutto con una "griglia" fatta di pancetta stesa (ho fatto un incrocio con le varie fette tipo quello della crostata).
Ho cotto la crostata a 180° per circa 30 minuti, coprendo la superficie a metà cottura per evitare che la pancetta cuocesse troppo.
Da servire calda.
L'abbinamento è particolare ma ai miei familiari non è dispiaciuto! Può essere usato come un secondo o come antipasto e si presenta piuttosto bene grazie all'intreccio, in superficie, fatto di pancetta.


Questa ricetta partecipa al contest

4 commenti:

Flò ha detto...

La marmellata di prugne è proprio buona..e la tua crostata fa tanto gola! unallhar

Bea ha detto...

Ciao Flò, effettivamente non avevo mai provato la marmellata di prugne in una crostata salata....solitamente, nelle ricette, mettono le prugne secche, quindi ho fatto solo una piccola variazione di.....consistenza!! ;D

Belinda ha detto...

Io la marmellata di prugne l'ho mangiata con gusto su delle belle fette di melanzane fritte in pastella!!! Ma anche così è da provare!

Bea ha detto...

@Belinda: se la provi, come sempre facci sapere cosa ne pensi!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...