lunedì 25 ottobre 2021

Curry di tofu con riso al lime, fagiolini e arachidi

Altro giro altro regalo! E presumo che ne vedrete altri di questi regali 😀

Come vi avevo detto qualche tempo fa, ho delle ricette che mi arrivano direttamente dall'Oltremanica, io le provo e se mi piacciono le trascrivo nel mio personale ricettario per non scordarle più.

Per la giornata di Light and Tasty delle "ricette vegane" mi è caduta a fagiuolo (come si dice 😉 ) questo piatto a base di tofu (derivato dalla soia), senza nessun alimento di origine animale come prevedono le ricette vegane.

Mentre i vegetariani ammettono qualche alimento di origine animale, i vegani no, solo di origine vegetale, però sarebbe opportuno farsi seguire da un esperto per non cadere in carenze nutrizionali dannose come la mancanza di vitamine e minerali quali il ferro o il calcio.

Per questa giornata vegana ho scelto questa ricetta a base di tofu, riso, verdure e spezie, un piatto decisamente gustoso, sempre che vi piaccia il tofu!

Curry di tofu con riso al lime fagiolini e arachidi 


Vagano

giovedì 21 ottobre 2021

Bruschetta con robiola di capra, radicchio, noci e pere

La scorsa domenica sera non avevo voglia di cucinare e così ho inventato queste bruschette "da divano"!

Film, bruschette e divano.... cosa chiedere di più????

Diciamo che non si fa fatica a passare la serata sul divano sotto ad una calda copertina. I prime freddi iniziano a farsi sentire e si ha voglia di calore e relax!

Ho preparato le bruschette con quello che avevo in casa, semplicissime e veloci, il retrogusto acidulo del formaggio di capra, l'amarognolo del radicchio, la dolcezza della pera e la nota croccante delle noci.

Ho utilizzato l'ottima Fiordifrutta pere dal sapore dolce ed intenso, ideale con i formaggi.

La robiola di capra può essere sostituita dalla ricotta o dalla crescenza di capra e il radicchio dalla rucola o dalla cicoria. 

Pronte per la vostra serata divano?

Bruschette con robiola di capra, radicchio, noci e pere

#Fiordifruttapere #adv


lunedì 18 ottobre 2021

Insalata di carote con frutta essiccata e dressing allo yogurt

Buongiorno! La nostra settimana in compagnia di Light and Tasty si apre con una ricetta con le carote.

Chi non le ha in casa? Credo che sia l'ortaggio più presente in assoluto nelle nostre cucine.

La si utilizza nel soffritto, nelle minestre, ma anche nei dolci, nelle insalate, si mangiano crude e cotte, fanno parte dei primi alimenti nello svezzamento dei bambini.

La carota è ricca di vitamine, in particolar modo betacarotene, di antiossidanti, fibre e minerali, è ipocalorica, utile per la vista, è antinfiammatoria ed è consigliata contro le gastriti e le enterocoliti.

Io sono quella che le mangia crude, così tipo Bugs Bunny 😀 e ne faccio scorpacciate.

Per la giornata dedicata alle carote non potevo quindi che scegliere un'insalata di carote crude, tagliate a julienne e condita in modo diverso dal solito: un pò dolce e un pò salata. In fondo ho messo insieme ciò che preferisco nelle mie insalate: verdura e frutta.

Ho arricchito la mia insalata di carote con della frutta esiccata che avevo in casa e per la precisione dell'ananas e dei cranberry, il mirtillo rosso, e ho condito il tutto con un dressing allo yogurt.

Un'insalata semplicissima, veloce e che proprio per il contrasto di sapori piacerà a tutti.

Insalata di carote con frutta essiccata e dressing allo yogurt 

lunedì 11 ottobre 2021

Mele speziate al cartoccio

Il profumo delle mele al forno ogni volta mi riporta indietro nel tempo.
Quando iniziavano le prime giornate autunnali, con le prime nebbie e la voglia di tepore, la mia nonna era solita accendere il forno a gas a metà pomeriggio e cuocervi le mele che facevano quella buccia color nocciola, la crosticina sopra per lo zucchero e il profumo di cannella che si sprigionava e invadeva ogni stanza della casa.
Per la cottura al cartoccio di Light and Tasty di questa settimana, ho voluto ritrovare quei ricordi e quei profumi, riempire la casa di aromi speziati e ritrovare quel tepore di quando ero bambina.
Avevo in casa delle mele acquistate a Km0, del miele di castagno dal colore ambrato, aromatico e dal retrogusto amarognolo, perfetto per dolcificare le mie mele al cartoccio e poi ho aggiunto mandorle, pinoli, uvetta e succo di limone.
Un consiglio: mandorle e pinoli, meglio tostarli a parte e aggiungerli a cottura ultimata, poco prima di servire in tavola, almeno manterranno la loro croccantezza.
Mele speziate al cartoccio

#MielBio castagno #RigonidiAsiago #adv

lunedì 4 ottobre 2021

Torta salata con ricotta di capra e pera

 "Al contadino non far sapere quanto è buono il formaggio con le pere" è forse uno dei più noti proverbi. 

Una volta i prodotti migliori il contadino li donava al "padrone" per cui bisognava tenere nascoste queste prelibatezze, per evitare che il contadino si tenesse i prodotti per sè.

Questa piccola introduzione per dire che oggi Light and Tasty ci porta in tavola le pere.

Le pere sono rinomate per la loro digeribilità, per l'apporto di fibre e sono consigliate in caso di problemi di digestione, coliche e nausee.

Per tornare al proverbio, ho pensato di realizzare una torta salata con ricotta di capra e pere, ideale per un secondo piatto autunnale, ma anche per un antipasto.

La base della torta salata è una pasta matta preparata con la farina integrale e dei semi misti che a me piacciono perchè donano croccantezza alla pasta.

Per la farcia ho utilizzato della ricotta di capra mescolata a del grana padano, le pere a fettine condite con olio e sale e ho servito tiepide, con un giro di pepe, noci e miele di castagno.

Il miele di castagno di Rigoni di Asiago si ottiene dai fiori di questo albero, è liquido e color ambra, aromatico dal retrogusto amarognolo.

Torta salata con ricotta di capra e pera

#MielBio castagno #RigonidiAsiago #adv

martedì 28 settembre 2021

Cous cous con pollo alla paprika e carote al cumino

L'ingrediente di questa settimana che ci propone Light and Tasty è il cous cous.
Il cous cous è il piatto più popolare in Marocco e Nord Africa, ma diffuso in tanti Paesi del mondo (Spagna, Brasile, Libano, Palestina....), compresa l'Italia (Sicilia e Sardegna).
Alcuni ritengono che sia originario della Cina, altri dell'Africa dell'est, anche sembra che sia "nato" nell'Africa del nord, dove, duranti degli scavi, sono stati trovati utensili di cucina utili alla preparazione del cous cous.
Tradizionalmente il cous cous viene preparato con semola di grano duro, ma è possibile trovarlo anche di mais, di farro, di riso... e la preparazione richiede tempo e pentole adatte.
Noi ormai lo troviamo, nella grande distribuzione, precotto e basta reidratarlo per avere una base per condimenti diversi che vanno dal pesce alle verdure.
La mia proposta arriva direttamente dall'Oltremanica, ma una volta atterrata in Italia si è trasformata, per qualche cambiamento in corso d'opera 😀
Una sera mi arriva, da mio figlio e mia nuora, una foto di un piatto di ispirazione libanese che mi ha incuriosito subito, tanto è vero che mi sono fatta inviare la ricetta.
Molto interessante, un mix di ingredienti che mi piace, ma..... e sì iniziano i problemi!
Innanzitutto la base è il bulgur che io non ho in casa e quindi lo sostituisco con il cous cous.
La carne è agnello, che io non mangio e quindi non ho in casa, ma niente paura punto sul pollo, quello in casa c'è.
Altro problema sono le spezie, io non ho lo/la shawarma e nello stesso tempo non mangio aglio 😁 bene, la ricetta di ispirazione libanese ha fatto i bagagli e ha preso il primo volo per andarsene dalla mia cucina, lasciando il posto al cous cous con pollo alla paprika e carote al cumino.
Volete scoprire come portare in tavola il mio cous cous?

Cous cous con pollo alla paprika e carote al cumino



lunedì 27 settembre 2021

NAKHOT curry di ceci per il Club del 27

Dopo la pausa estiva, torna anche Il Club del 27 con una selezione di piatti uno meglio dell'altro.

Questo mese omaggeremo un grande popolo e, in modo particolare, le donne e la cucina: le donne afghane e la cucina afghana.

Il libro preso in esame è Parwana di Durkhanai Ayubi,  la figlia più giovane di una famiglia di profughi che nel 2009, dopo varie peripezie, ha aperto un ristorante ad Adelaide (Australia), specializzato nelle ricette casalinghe di Farida, la mamma dell'autrice, citata espressamente sul frontespizio del libro.

Parwana (che vuol dire farfalla) è proprio il nome del ristorante dove si preparano le loro ricette di famiglia, piatti quotidiani e altri celebrativi, ma tutti intrisi della cultura dell'Afghanistan, delle loro tradizioni e dell'ospitalità di questo popolo.

La scelta è stata difficile, ogni piatto aveva in sè qualcosa di accattivante, interessante e mi sentivo attratta anche dal significato di ogni portata.

Visto che gli eventi personali di questo mese mi hanno lasciato poco tempo da dedicare ai fornelli e il mio frigorifero non è ancora rifornito come si deve, la mia scelta è caduta su un piatto semplice di ceci molto speziati, un curry di ceci, Nakhot.

Il profumo che si sprigiona durante la cottura è qualcosa di esaltante e il sapore è irresistibile.

Accompagnate il nakhot, curry di ceci, con del riso basmati o pane naan, anche se io l'ho mangiato a cucchiaiate.

Nakhot curry di ceci

Cucina afghana

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...