venerdì 25 novembre 2011

I miei pandolcini

Il pandolce genovese è un dolce tipico della città Ligure a base di canditi, uvetta e pinoli. Ne esistono di due tipi: uno che prevede l'utilizzo di lievito di birra o pasta madre e uno che richiede l'utilizzo di lievito per dolci. Per realizzare questo dolce è meglio avere a disposizione ingredienti di buona qualità, infatti sono i canditi, l'uvetta e i pinoli che conferiscono a questo dolce un profumo e aromi caratteristici.

Ingredienti:

500 g di farina
150 g di zucchero
6 cucchiaini di lievito in polvere per dolci
1 pizzico di sale
125 g di burro
50 g di canditi (cedro e scorza d'arancia)
50 g di pinoli
100 g di uvetta
1 uovo
latte e liquore all'anice


Preparazione:

Ammollare l'uvetta in acqua tiepida. Fondere il burro a fuoco dolce. Setacciare sulla spianatoia la farina con il lievito e a questi miscelare i canditi, l'uvetta, i pinoli, lo zucchero e il sale. Formare una buca e nel centro versare il burro fuso, l'uovo, 8 cucchiai di liquore all'anice ed iniziare ad impastare, aggiungendo latte fino ad un massimo di 8 cucchiaiate. Otteremo così un composto omogeneo. A questo punto io non cuocio il pandolce nella classica forma a montagnetta, ma divido l'impasto in palline (circa 13-14) e le metto su una teglia imburrata e infarinata lasciandoli distanziati, perchè contenendo lievito, si gonfiano e potrebbero attaccarsi l'uno all'altro. Cuocere in forno già caldo a 200° per circa 20-25 minuti (dipende dal forno), devono dorare fuori ma rimanere soffici dentro. Per sicurezza fate la prova stecchino.

2 commenti:

tifossisima ha detto...

profumano di natale brava

Daniela ha detto...

Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...