mercoledì 17 febbraio 2016

Verzolini

Con immenso piacere accetto l'invito di Milena ed Elena e partecipo a "L'Italia nel piatto"  che, da questo mese, apre a chiunque abbia un blog. 
La ricetta deve essere tipica di una Regione o di una città (sono ammesse poche e minime variazioni) e questo mese deve avere come protagonista le "verdure invernali".
Io ho scelto i "verzolini ripieni" piatto tipico piacentino, che ha come ingrediente principale la verza.
Si sa che le ricette tipiche una volta si tramandavano oralmente e subivano leggere modifiche da una vallata all'altra, ma anche da famiglia a famiglia.
Nella mia famiglia la detentrice della ricetta ed unica esecutrice era la nonna paterna, era lei che, dopo la prima gelata invernale (quando ce n'erano e non sporadiche come ora) acquistava la verza e preparava questo piatto con la carne lessata del brodo (so che c'è chi mette la salsiccia e chi solo pane e formaggio), senza pesare nulla (che fatica a ricavare le dosi degli ingredienti!!!!!), senza lesinare in condimento affinchè fossero saporiti e gustosi, senza pensare a colesterolo e linea!
Dopo che lei se ne è andata, il testimone è passato alla mia mamma ed oggi siamo da lei, nella sua cucina, a preparare questo piatto tipico. Io e papà abbiamo un ruolo importantissimo: assaggiatori ufficiali :))

Ingredienti (per 14 verzolini):

1/2 verza piccola

Per il ripieno
3 cucchiai di pane grattugiato
burro (un cucchiaio circa)
6 cucchiai di parmigiano grattugiato
4 cucchiai colmi di polpa di manzo già lessato e tritato finemente
2-3 uova (dipende da quanto sono grandi)
sale e pepe

Per la cottura
burro q.b.
olio extravergine d'oliva q.b.
cipolla
aglio uno spicchio
2 cucchiai abbondanti di concentrato di pomodoro (altri preferiscono la salsa di pomodoro)
brodo vegetale q.b.
sale


Preparazione:
Lavare ed asciugare la verza, sfogliarla e scottare le foglie in acqua in ebollizione già salata (2 minuti), quindi lasciare ad asciugare le foglie aperte su un canovaccio pulito.

Nel frattempo preparare il ripieno: sciogliere il burro su fuoco dolce, quindi usarlo per "scottare" il pane che avrete messo in una ciotola. Aggiungere gli altri ingredienti e lavorate fino ad avere un composto omogeneo, ma morbido.
Ora, con questo ripieno, farcire le foglie di verza, 



avvolgere ad involtino in modo che il ripieno sia ben racchiuso all'interno, chiudere con uno stecchino. 



In una padella preparare il soffritto con un pezzetto di burro, olio extravergine d'oliva, una cipolla tagliata sottilmente ed uno spicchio d'aglio (che poi toglierete), mettere gli involtini e rosolarli con cura, aggiungere il concentrato di pomodoro e scioglierlo con un pochino di brodo vegetale, cuocere per circa 20 minuti a fiamma moderata.



Trucco della mamma per addensare il sugo dovesse essere troppo liquido: impastare una noce di burro con un pò di farina di riso e aggiungerlo all'intingolo.


Servire ben caldo! E preparatevi una bella fetta di pane: la scarpetta è d'obbligo (la mia fetta di pane non ha resistito ed ha già fatto un tuffo)! ^_^





Questa è la foto della pagina della ricetta dei verzolini riportata nel libro di Carmen Artocchini "Piacenza a tavola", sembra che piacessero anche alla Regina di Spagna Elisabetta Farnese (buongustaia!). 




Nel libro si trovano oltre 400 ricette della cucina tipica piacentina, raccolte e scrupolosamente ordinate da Carmen Artocchini, arricchito da un'ampia introduzione storica che narra la genesi della cucina piacentina. Un vero e proprio "classico" della tradizione gastronomica piacentina.


Questa ricetta partecipa come ricetta dell'Emilia Romagna all'evento #verdureinvernali, organizzato dal gruppo de L'Italia nel piatto.

29 commenti:

Paola Baronio ha detto...

che meraviglia...una cosa simile la faceva sempre la mia mamma...gnam

Giuliana Manca ha detto...

Preparati alla perfezione!!!

Un'arbanella di basilico ha detto...

Grazie Dani, una bellissima ricetta di tradizione! bacioni

gwendy ha detto...

deve essere squisita una verza farcita così!!!è un bene che le ricette vengano tramandate altrimenti si perderebbero certe delizie.
Un bacione

Luna B ha detto...

Proprio poco tempo fa abbiamo parlato con la mia amica Ros, quella con cui spesso pasticcio per fare esperimenti, degli involtini di verza ed ecco qui la tua splendida ricetta! Che buoni, da provare assolutamente!

Sabrina Rabbia ha detto...

NNO MANGIO MOLTO LA VERZA PERCHE' NON SO MAI COME PREPARARLA, QUESTO MODO MI PIACE MOLTO!!!BACI SABRY

consuelo tognetti ha detto...

Grazie x aver condiviso questa ricetta della tradizione italiana, devono essere strepitosi :-P
Buon pomeriggio Dani <3

Laura Carraro ha detto...

Che belle queste ricette della tradizione, sanno proprio di storia , di famiglia e di tanto amore, è un dovere mantenerle in vita.....e tua mamma è molto brava!!!
Baci

andreea manoliu ha detto...

Quanto mi piacciono questi involtini, troppo gustosi !

Mimma Morana ha detto...

ottimo piatto!!! saporito e corroborante, senza tralasciare la salubrità!!! bravissima!

Gloria Baker ha detto...

Delizioso cara ! Mi piacce :) :)
Baci!

elena ha detto...

Ma che meraviglia Dany, hai scelto una tra le più belle ricette piacentine e che emozione vedere le mani della tua mamma che li avvolgono, è proprio un piatto d'altri tempi ma che ancora in inverno un paio di volte lo si deve assaporare!
Grazie, grazie di aver partecipato ed aver reso partecipe la tua mamma del nostro contest... per noi è un vero onore!

Un'arbanella di basilico ha detto...

Mi fa tanto piacere averti come compagna di viaggio virtuale! Un bacione

laura flore ha detto...

Questo piatto deve essere fantastico, una vera delizia!
Bravissima!
Un caro abbraccio e felice serata!
Laura<3<3<3

Silvana Planeta ha detto...

Complimenti alla mamma, cara Daniela, per la maestria con cui ha preparato questi splendidi involtini. Sicuramente sono da provare!

Patalice ha detto...

li faccio ma del tutto diversamente... i tuoi sono mille volte più golosi!

Rosa ha detto...

Grazie Daniela, la tua ricetta è fantastica! Mi piacciono tantissimo queste preparazioni casalinghe, molto gustose! Complimenti!
Un caro saluto
Rosa

speedy70 ha detto...

Sìììì questi li conosco, quanto mi piacciono, bravissima!!!!!

Annamaria ha detto...

Adoro la verza e questa ricetta è deliziosa!

Mary ha detto...

che bello imparare nuove ricette , questa non la conoscevo ...deve essere buonissima!!! baci

Licia ha detto...

Devono essere buonissimi devo provarli,sicuramente a casa mia apprezzeranno! Buon week end!

Günther ha detto...

un ottimo scrigno una bella idea per un secondo piatto

Mamilu ha detto...

Ciao Daniela che tenerezza quelle mani al lavoro! Complimenti per questa ricetta della tua tradizione familiare. Io amo molto le verze e con la carne sono un bel piatto ricco. Bella questa rubrica...chissà magari trovo il tempo per poter partecipare :). Grazie per la condivisione e buon weekend. Baci Luisa

Daniela ha detto...

Grazie a tutti, anche da parte della mamma ^_^

Conserviamo e continuiamo le tradizioni, non perdiamo le vecchie ricette anche se tramandate oralmente. Sono proprio loro le basi della nostra cucina, di ciò che siamo!

Un forte abbraccio :)

Monica ha detto...

Li ho assaggiati, proprio in Emilia: una delizia! A casa ogni tanto li rifaccio, ma parto dal macinato che cucino io stessa a parte.. col manzo lesso devo provare! Grazie!

L’angolo della casalinga, ricette veloci e facili

Un'arbanella di basilico ha detto...

Ciao Dani, a domani!

lucy ha detto...

anche da noi si usano ma non nel sugo rosso in brodo, non mi resta che provarli!

I Pasticci di Terry ha detto...

Un bel piatto "povero e di recupero". Anche mia mamma faceva qualcosa di simile quando ero piccola. Brava Dany. Buona settimana e un bacione

Sanny D. ha detto...

Guardando le foto mi è venuta l'acquolina in bocca :-) Adoro la verza! Cerco sempre nuove ricette per mangiarla in modo alternativo. Questa la proverò di certo ;-) Mi sono iscritta con piacere al tuo blog.
Alla prossima :-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...