lunedì 8 ottobre 2018

Strudel di uva

Buongiorno! Continuiamo con i prodotti di stagione e dopo i funghi della scorsa settimana oggi Light and Tasty porta in tavola l'uva.
Già trattata anche negli anni scorsi (qua trovate la mia insalata e il petto di pollo), l'uva la si consuma al naturale sia come fine pasto che come spuntino di metà giornata, ma è possibile inserirla in ricette sia dolci che salate.
L'uva è indicata per gli sportivi prima di un allenamento per la presenza di zuccheri, ma è ricca anche di flavonoidi, di antocianine e di vitamine.
Per la presenza di acqua e di potassio, ma poco sodio l'uva è particolarmente diuretica e indicata a chi soffre di ritenzione idrica.
Per questo lunedì ho scelto di inserire gli acini di uva nello strudel, dolce tipico del Trentino, che solitamente si prepara con le mele. 
Senza zuccheri aggiunti e senza burro, rustico sia nell'aspetto che nel gusto, il mio strudel di uva lo si può servire direttamente nella teglia, leggermente tiepido appena spolverato di zucchero a velo.
Vediamo ora come si prepara lo strudel di uva.

Ingredienti:
100 g di farina 1
50 g di farina di grano saraceno
1 pizzico di sale
1 uovo
2 cucchiai di olio extravergine d'oliva delicato (se non l'avete usate un olio di semi)
1 cucchiaino di Dolcedì (zucchero naturale estratto dalle mele)
acqua tiepida q.b. (io ne ho usate 5 cucchiai)

700 g di uva bianca, rosata e nera (in proporzioni variabili)
50 g di mandorle tritate
qualche amaretto o biscotti secchi

poco latte per pennellare

zucchero a velo q.b.

Preparazione:
Iniziamo subito a preparare la pasta strudel mettendo in una ciotola la farina con il sale, mescolare e unire l'olio, l'uovo, il Dolcedì (se non l'avete potete tranquillamente non dolcificare oppure mettete un cucchiaino raso di miele) e iniziate a impastare unendo piano piano l'acqua, finite di impastare sulla spianatoia.
Una volta ottenuto un panetto elastico, mettetelo a riposare coperto, almeno per 30 minuti.
Nel frattempo lavate l'uva, dividete gli acini a metà e togliete i semini.
Tritate le mandorle.



Con il mattarello iniziate a tirare la sfoglia fino ad ottenere un rettangolo sottile. Per comodità vi consiglio di metterlo già su un foglio di carta da forno per facilitare il trasporto nella teglia.



Sbriciolate gli amaretti sulla sfoglia (io ho usato il fondo di un pacchetto di amaretti per cui sono andata a occhio), versate gli acini di uva e ricoprite con le mandorle tritate.
Ora con un pò di pazienza arrotolate lo strudel dopo aver ripiegato verso l'interno i lati più corti.
Spennellate con un pò di latte e trasferite sulla teglia.



Cuocete in forno caldo a 180° per 40 minuti, deve dorare. Una volta pronto, aspettare che diventi tiepido, quindi tagliare le fette e spolverizzate con zucchero al velo.








Come avranno utilizzato l'uva le amiche del team?






23 commenti:

Un'arbanella di basilico ha detto...

Molto invitante il tuo strudel Dani e un po' diverso dal solito con le mele. Un bacione a presto :)

Milena ha detto...

Lo strudel è uno dei miei dolci preferiti, con l'uva non l'ho mai fatto, dovrò rimediare! Un abbraccio e buona settimana.

Gloria Baker ha detto...

Adoro el strudel . De vero delizioso !

Cinzia Ceccolin ha detto...

Anche io adoro lo strudel e ottima questa versione! Splendida ricetta, um abbraccio

I Pasticci di Terry ha detto...

A me, da brava golosona, piace un sacco lo strudel. Con l'uva non l'ho mai provato ma sono certa mi piacerebbe un sacco. Ottimo dolce per cominciare bene questa settimana.

Serena ha detto...

Ha un aspetto strepitoso Daniela, lo sai che con l'uva fresca non lo ho mai provato? ottima idea.

GufettaSiciliana ha detto...

Ne posso immaginare la dolcezza!

elena ha detto...

wow che buono questo strudel, ma più di tutto mi intriga quella pasta sottile con la farina di grano saraceno, deve essere uno sballo con questo ripieno!

elenuccia ha detto...

Adoro lo studel in ogni sua versione. Ammiro moltissimo la tua bravura nella stesura della pasta. E' perfetta, sottile e croccante

Antro Alchimista ha detto...

Caspita! Uno strudel veramente interessante, sarei proprio curiosa di assaggiarne una fetta!

edvige ha detto...

Io adoro l'uva ma è una delle frutta in assoluto assieme ai fichi dolcissimi ed io non posso. Prendo nota comunque non si sa mai...buona serata.

Zampette in pasta ha detto...

La tua variante di strudel mi incuriosisce molto, da provare!!!
Baci

Maria Grazia Montaldista ha detto...

Fa venire voglia di assaggiarlo, sicuramente sarà già finito :-(
Baci

Unafettadiparadiso ha detto...

Lo strudel è uno dei dolci della tradizione italiana che preferisco per la sfoglia sottile e il dolce ripieno e questa tua versione è molto interessante Dani😍😋

ricette collaudate ha detto...

Quel giorno abbiamo avuto la stessa idea realizzando lo strudel,mentre il mio rimane più classico avendo utilizzato le mele il tuo devo dire che vien voglia di provarlo....non l'ho mai assaggiato con l'uva!
Un abbraccione

Paola ha detto...

Una vera delizia!!! viene voglia di addentarlo! :-D un bacione

Le mie ricette con e senza ha detto...

Che voglia, lo strudel è il mio dolce preferito, il tuo è molto invitante, ti è venuto perfetto.

Rosa ha detto...

Che buono che sarà questo strudel! Particolare e insolito! Complimenti ♡

consuelo tognetti ha detto...

Adoro lo strudel e questo all'uva ha un aspetto troppo invitante :-P Come ne vorrei una fetta adesso :-P Buona domenica Dani <3

Carmine Volpe ha detto...

Molto ma molto interessante che regala a questo classico dolce con le mele un sapore in più

Trini Altea ha detto...

Daniela tiene que estar muy rico

Cristina Bernardi ha detto...

Che bontà questo strudel...mi piace proprio come dolce in generale e questa tua versione mi ispira tantissimo!! Un abbraccio!

Andrea Pizzato ha detto...

adoro lo strudel :)) così però non l'ho mai mangiato, bravissima!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...